Ken Hermann: I fiorai di Calcutta

A Calcutta c’è un mercato. E più precisamente, è un mercato di fiori come dice il suo stesso nome: Malik Ghat Flower Market. Qui uomini da ogni parte dell’India e del Bangladesh vendono fiori, circondati da curiosi, veri acquirenti o turisti.

Il tutto si svolge in una nuvola di colore, quella dei fiori. I petali e le corone di piante sono in ogni dove. Molti dei visitatori che incappano nel mercato rimangono sbalorditi, figuriamoci un fotografo.

È quello che è successo al danese Ken Hermann. Oggi è conosciuto come il fotografo dei flower men, ma non tutti sanno come è arrivato ad esserlo.

Hermann è stato al mercato due volte nella sua vita. La prima ha solo osservato.

Poi, siccome quell’immagine di uomini ricoperti di fiori che cercavano di venderli non gli si toglieva dalla mente, ha deciso di tornarci, questa volta per fotografare. Era il 2014 e, di li a poche settimane, avrebbe realizzato i suoi ritratti dei fiorai indiani, oggi conosciuti in tutto il mondo.

Bisogna precisare però che le foto scattate ai venditori non sono state realizzate nel mercato. Troppo caotico.

Il fotografo ha convinto gli uomini dei fiori a spostarsi lungo il fiume Hooghly dove, a mezzogiorno, la luce era perfetta per ritrarli. Di solito si fotografa alla mattina presto o al pomeriggio tardi, verso sera, perché un cielo coperto o con poca luce regala gli scatti migliori. Tuttavia Hermann ha notato che la luce del sole di mezzogiorno faceva risaltare i petali dei fiori sulla pelle degli uomini che aveva davanti e ha fatto un’eccezione.

Ogni colore, specie e fragranza, si fondevano insieme, travolgendo i sensi, in netto contrasto con l'abbigliamento polveroso e intriso di sudore dei venditori e gli ambienti frenetici e sporchi.

Fonte: Guardafuori